Sofia l’Alchimista di HUSSEIN BAZAZA

Sophia the Goddess non può essere definita”solo” una sfilata, ma, la collezione 2016/2017 haute couture del vincitore Who is on next? Dubai 2015 Hussein Bazaza, è stata un evento magico che mi ha travolta e fatta sentire parte integrante e attiva.

Sono convinta che ogni ospite alla lettura di queste righe condividerà la mia impressione : quella di sentirsi come una bambina al Disneyland Paris seduta su un trenino che attraversa, con gli occhi spalancati ed increduli, uno di quei mondi incantati dove i colori, le luci e le note che ti accompagnano ti estraniano dal mondo reale proiettandoti in quello dei sogni .

Unicorni, farfalle, stelle ed elementi naturali fanno di Sophia The Goddess un viaggio senza ritorno, verso una dimensione atemporale fatta di creature magiche e paesaggi incantati.

picmonkey-collage-2
ph. S.Dragone- G.Palma / L.Sorrentino

Sontuosi capi dalle linee rigide che vengono attenute da cascate di frange e luccichii creando movimento.

img_4256

Gonne ampie e svasate di pizzo e rafia interamente ricamate a mano definiscono la solhuette delle modelle. Drappeggi, decorazioni, stampe effetto dipinto sono gli elementi che caratterizzano questi abiti;  i colori, che vanno dal rosso all’oro, dal bianco al nero, dal grigio al blu, spesso usati in contrasto, definiscono ancor di più le linee e regalano l’ effetto in 3d  alle creature magiche rendendole surreali

img_4303

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lo stilista riserva grande attenzione al collo e vita;  il primo impreziosito da chocher o da colli alti, ma non banali, che mettono in primo piano il  viso;  la seconda, strizzata da cinture non inferiori ai 3 cm che slanciano ancor di più la figura creando delle proporzioni adatte a silhuette minute (ovviamente non il caso di queste modelle).

images

…e da shoes addicted non potevano non notare le scarpe scelte da Hussein Bazaza, dalle nuanche mai in contrasto con gli abiti, che viste da vicino sono ancora più affascinanti. Leggiadre che fanno trapelare il piede esaltandone l’anatomia. I modelli realizzati in pvc e la pelle, applicata dalla punta al tallone, tacco compreso,  crea un effetto ancora più glamour e dona un tocco frizzante e sofisticato, si ha come l’impressione che il piede sia su un piedistallo e sollevato dal suolo.

picmonkey-collage-3

 Così  come Sophia the Alchimist è riuscita a trasformarsi in Sophia the Goddess grazie all’elisir della vita eterna credendo che tutto è possibile, eterna giovinezza, felicità e immortalità, allo steso modo Hussein Bazaza, attraverso i suoi capi e quindi grazie alla moda, ha realizzato un viaggio fiabesco, caratterizzato dall’antinomia di colori (nero e oro, ecc.) e forme (rigidità e movimento) che seppur in contrasto trovano e creano equilibrio e armonia. Rappresenta un ideale di vita perfetto, in cui nessuna difficoltà può destare preoccupazioni convincendo, anche me, che nella vita tutto è possibile come l’essere eternamente felici!!! Che emozione!!!

picmonkey-collage-4

 

picmonkey-collage6

 

2 commenti su “Sofia l’Alchimista di HUSSEIN BAZAZA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *